Ti potrebbe interessare

Condizionatore d'acqua e addolcitore d'acqua

In questo post, ci concentreremo su due tipi di sistemi di trattamento dell'acqua: condizionatori d'acqua e addolcitori acqua. Questi termini sono spesso confusi, quindi chiariremo la differenza e spiegheremo come funziona ciascuno.

L'acqua è parte integrante della nostra vita quotidiana, ma in quasi tutti i casi, l'acqua non inizia pulita. Questo è il motivo per cui l'acqua passa tipicamente attraverso molte fasi di trattamento prima di arrivare a voi. Anche una volta che l'acqua è già stata trattata dalla vostra città e arriva al vostro serbatoio e ai vostri tubi, potrebbe non essere nelle condizioni che desiderate.

È qui che entra in gioco il condizionamento dell'acqua. Il condizionamento dell'acqua mira a risolvere tre problemi principali che sono presenti nella maggior parte delle fonti d'acqua: calcare, batteri e alghe. Questi problemi possono causare tutta una serie di problemi nei sistemi idrici, anche all'interno dei tubi, sugli scambiatori di calore, sugli impianti e altro ancora.

Se il vostro obiettivo principale è quello di evitare che l'acqua danneggi o causi problemi al vostro impianto idraulico o di aumentare l'efficienza dei vostri apparecchi, cercare di capire quale sia l'opzione migliore per trattare l'acqua può essere travolgente. C'è una miriade di soluzioni là fuori, e può essere difficile capire le differenze tra loro e quale soluzione è migliore per la vostra casa o azienda.

Condizionatore d'acqua vs. Addolcitore d'acqua: Qual è la somiglianza?

Prima di discutere le differenze tra questi due termini, parliamo delle somiglianze. Il motivo è che i condizionatori d'acqua e gli addolcitori d'acqua sono entrambi utilizzati per affrontare il problema comune della durezza dell'acqua. L'acqua dura è un'acqua ricca di minerali come calcio, magnesio e silice.

Questi minerali possono causare seri problemi alle superfici di scambio termico, ai tubi e agli impianti idrici in tutta la casa e l'azienda. Con il tempo, le tubature possono essere completamente intasate dall'accumulo di calcare. Quando il calcare si accumula su un elemento di riscaldamento, lo isola e gli impedisce di fare il suo lavoro in modo efficiente. L'acqua dura può causare anche problemi continui e quotidiani. Non c'è da stupirsi che i proprietari di casa e le aziende vogliano trovare un modo per combattere questo problema.

Condizionatore d'acqua contro addolcitore d'acqua: Qual è la differenza?

Abbiamo già visto cosa questi due termini hanno in comune, quindi qual è la differenza tra loro? Quando si tratta del problema dell'acqua dura, un addolcitore d'acqua tradizionale rimuove effettivamente gli ioni di calcio, magnesio e silice, lasciando piccole quantità di ciò che è noto come "durezza temporanea". L'addolcitore sostituisce questi ioni con il sale attraverso un processo chiamato scambio ionico.

Un condizionatore d'acqua, invece, è una soluzione più innovativa che manipola il modo in cui si comportano i minerali di durezza in una soluzione liquida. Il risultato è che sono ancora presenti, ma non si accumulano sulle superfici e non causano problemi. Dato che il calcio, il magnesio e la silice sono minerali sani per l'uomo e gli altri animali, mantenerli nell'acqua è un grande vantaggio, purché non danneggino il vostro impianto idraulico.

Mentre sia gli addolcitori che i condizionatori d'acqua sono progettati per affrontare il problema della durezza dell'acqua in qualche modo, un condizionatore d'acqua in genere affronta anche altri problemi dell'acqua - come i contaminanti biologici, compresi batteri e alghe, che possono raccogliersi sulle superfici. Quando queste sostanze si accumulano, si parla di biofilm. Un addolcitore d'acqua da solo non è progettato per affrontare il problema del biofilm - solo il calcare.

Si noti che "condizionatore d'acqua" è spesso usato come un termine abbastanza ampio che può riferirsi a qualsiasi tipo di sistema di purificazione o trattamento dell'acqua. Ci stiamo concentrando sul tipo di condizionatore d'acqua che abbiamo descritto qui - uno che può fornire una soluzione all-in-one sia per la durezza che per i contaminanti biologici. Ci sono diversi metodi per condizionare l'acqua, ma il risultato dovrebbe essere una soluzione liquida che non permette all'accumulo di alcun tipo di danneggiare l'impianto idraulico. Ecco uno sguardo più da vicino su come funzionano sia gli addolcitori che i condizionatori d'acqua...

Come funziona un addolcitore d'acqua?

Un addolcitore d'acqua in genere rimuove i minerali in eccesso dall'acqua attraverso un processo chiamato scambio ionico. Per comprendere questo processo, bisogna prima capire che i minerali sono ionici. In altre parole, sono elettricamente carichi. È anche importante capire che gli ioni di carica opposta sono attratti l'uno dall'altro.

Minerali come il calcio e il magnesio hanno entrambi una carica positiva. Anche il sodio, il minerale che gli addolcitori d'acqua usano per sostituire gli ioni di durezza, ha una carica positiva, quindi nessuno di questi ioni è attratto dall'altro. Tuttavia, la carica del sodio è più debole di quella del calcio e del magnesio. Se gli ioni non sono attratti l'uno dall'altro, come può avvenire uno scambio? C'è un altro elemento cruciale necessario per far funzionare il processo: un letto di resina composto da tante piccole perle caricate negativamente.

Il sale aggiunto a un addolcitore d'acqua si attacca a queste perline perché gli opposti si attraggono. Quindi, quando l'acqua ricca di calcio e magnesio scorre attraverso l'addolcitore, la resina a carica negativa attrae gli ioni a carica positiva di calcio e magnesio. Poiché questi ioni hanno una carica positiva più forte degli ioni di sodio, gli ioni di sodio vengono spostati e scambiati con calcio e magnesio.

L'acqua che esce dal serbatoio ora contiene cloruro di sodio disciolto (sale) invece di calcio o magnesio disciolto, ottenendo quella che viene chiamata "acqua dolce". Per ogni GPG di minerali di calcio o magnesio che vengono rimossi, vengono aggiunti 7,5 milligrammi per quarto di sodio.

Per mantenere questo processo, bisogna aggiungere periodicamente sacchetti di sale all'addolcitore dell'acqua. Questo ricarica le perle, così il processo di scambio ionico può continuare a funzionare.

Alcuni degli svantaggi di questo processo sono che spreca acqua poiché i minerali in eccesso devono essere sciacquati via e richiede l'aggiunta di sale ogni tanto per mantenerlo attivo. Questo rappresenta un compito di manutenzione continua oltre che un costo finanziario. Rende inoltre questo tipo di trattamento dell'acqua meno ecologico e poco salutare per l'uomo e gli altri animali.

Come funziona un condizionatore d'acqua?

Come agiscono i condizionatori d'acqua sull'acqua? Ricorda, ci sono diversi tipi di condizionatori d'acqua. Usano vari metodi per creare una reazione catalitica che cambia il modo in cui i minerali e i contaminanti biologici si comportano in una soluzione liquida. L'obiettivo finale è quello di evitare che queste sostanze si accumulino sulle superfici e causino problemi seri come il biofouling e l'accumulo di calcare.

Il modo esatto in cui un condizionatore d'acqua raggiunge questo obiettivo dipende dal tipo di condizionatore e da ciò che il sistema è in grado di fare. L'obiettivo può essere quello di ridurre la formazione di calcare, di rallentare il tasso di incrostazione o di cambiare la composizione del calcare in modo che precipiti e non aderisca affatto alle superfici.

Indipendentemente da come un condizionatore d'acqua manipola il comportamento dei minerali, tutti hanno alcune cose fondamentali in comune. I condizionatori, al contrario degli addolcitori d'acqua tradizionali, non rimuovono effettivamente gli ioni minerali, ma impediscono che questi ioni si accumulino all'interno dei tubi, sull'elemento riscaldante, sugli ugelli e sui sanitari. Questo risolve uno dei principali problemi dell'acqua dura senza aggiungere sale. Ecco perché a volte si sente parlare di condizionatori d'acqua come "addolcitori senza sale". Questa opzione di trattamento dell'acqua è preferibile per molte persone poiché i condizionatori d'acqua tendono ad avere una manutenzione molto più bassa e un costo inferiore rispetto agli addolcitori d'acqua tradizionali e non aggiungono sodio all'acqua.

Un altro vantaggio del processo di condizionamento dell'acqua è che può affrontare anche i contaminanti biologici. I condizionatori d'acqua possono rompere il biofilm in modo che non aderisca alle superfici. Alcuni condizionatori, come l'HydroFLOW, possono persino disattivare questi contaminanti biologici.

Il condizionatore d'acqua HydroFLOW impedisce a minerali, alghe e batteri di diventare un problema nel sistema idrico inviando un segnale elettrico di 150 kilohertz (kHz) attraverso il sistema idraulico. Il segnale fa sì che i minerali si uniscano, formando gruppi che alla fine formano cristalli stabili. Questi cristalli non si attaccano alle superfici come farebbero i singoli minerali.

Il segnale colpisce anche la materia biologica. La maggior parte del biofilm esistente si romperà e sarà trasportato dal flusso della soluzione liquida. Inoltre, il segnale elettrico carica le alghe e i batteri, facendo sì che le cellule siano circondate da uno strato di acqua pura. Poiché l'acqua viene forzata nelle cellule tramite osmosi, la cellula si rompe e perisce.

Tipi di condizionatori d'acqua

Ecco alcuni diversi metodi di condizionamento dell'acqua, o "addolcitori d'acqua senza sale":

  • Magnetismo: Alcuni condizionatori usano dei magneti per creare un campo magnetico nell'acqua che influenza il modo in cui gli ioni di durezza si comportano. Normalmente, questi ioni sono inclini a formare gruppi che si attaccano alle superfici, ma il magnetismo ha lo scopo di renderli meno propensi a farlo cambiando la forma dei gruppi. Gli studi scientifici non hanno confermato l'efficacia del trattamento magnetico dell'acqua.
  • Elettromagnetismo: Questo metodo è simile all'uso del magnetismo, ma in questo caso, c'è una fonte di elettricità. I condizionatori elettromagnetici hanno gli stessi svantaggi di quelli magnetici. Il loro unico vantaggio rispetto ai condizionatori magnetici tradizionali è che si può spegnere il segnale in caso di necessità.
  • Elettrolisi: Questo metodo utilizza ciò che è essenzialmente una batteria. Gli elettrodi di metallo sono immersi nell'acqua e rilasciano ioni di zinco positivi, che rilasciano anche elettroni che si muovono attraverso il filo verso il catodo. Questo processo alla fine cessa quando l'anodo di zinco si dissolve. Quando questo condizionatore si esaurisce, non influenzerà più la vostra acqua, e potreste non sapere che ciò è avvenuto fino a quando l'acqua dura non ha causato danni.
  • Cristallizzazione assistita da un modello: Abbreviato in TAC, questo metodo usa delle perle di resina come sito di nucleazione catalitica dove gli ioni minerali di durezza vengono trasformati in una forma cristallina stabile che non si attacca alle superfici. Questi cristalli sono microscopici e scorrono normalmente nell'acqua. A differenza di un addolcitore che usa lo scambio ionico, questo serbatoio di perline di resina non richiede una rigenerazione continua.
  • Induzione elettrica: Una corrente elettrica può anche essere usata per far precipitare la durezza dell'acqua. Questo precipitato si forma tipicamente su un elettrodo che richiede una pulizia periodica. Il precipitato può creare uno strato di fango su alcune superfici. Tuttavia, questo fango può essere facilmente rimosso da un flusso d'acqua veloce. Il condizionatore d'acqua brevettato e unico HydroFLOW è il modo più innovativo di utilizzare un'induzione elettrica per condizionare l'acqua.

I suddetti tipi di condizionatori d'acqua sono noti come condizionatori fisici. Alcuni metodi di trattamento dell'acqua cambiano la composizione chimica dell'acqua piuttosto che manipolare il modo in cui gli ioni nell'acqua si comportano. Potreste sentire questi metodi di trattamento indicati come condizionatori d'acqua, ma usano sostanze chimiche per trattare l'acqua e non sono condizionatori fisici. Un addolcitore d'acqua che usa lo scambio ionico è un esempio di un processo di trattamento chimico. Alcuni altri esempi di metodi di trattamento chimico includono:

  • Chelazione: Un altro metodo consiste nell'introdurre un composto chimico che agisce come un agente chelante. Il magnesio e il calcio si legano a questo agente chelante e rimangono sospesi nell'acqua piuttosto che accumularsi sulle superfici. Tuttavia, se rimangono in un posto per molto tempo, come potrebbero essere in uno scaldabagno, l'accumulo potrebbe comunque verificarsi.
  • Processo di Clark: Questo processo è chiamato anche addolcimento della calce. L'idrossido di calcio chimico, chiamato acqua calcarea, viene aggiunto all'acqua, che fa precipitare gli ioni di durezza. L'alcalinità dell'acqua viene aumentata attraverso questa aggiunta a più di 9,6, quindi l'anidride carbonica deve essere aggiunta per ri-carbonatare l'acqua e riportare il pH verso il basso.
  • Osmosi inversa: Con l'osmosi inversa, a volte abbreviata in RO, la pressione costringe l'acqua a passare attraverso una membrana semipermeabile che toglie dall'acqua ioni, molecole e particelle più grandi indesiderate. RO richiede continue sostituzioni del filtro, che possono diventare costose. Dov'è l'uso di sostanze chimiche? L'acido è di solito introdotto per ridurre il fouling di questo sistema.

Condizionare l'acqua in modo efficace ed efficiente con HydroFLOW

Ci possono essere molti modi per trattare l'acqua, ma non tutti questi metodi sono ugualmente efficaci o soddisfano allo stesso modo le esigenze di ogni settore. Essere informati è un primo passo fondamentale. In questo modo potete essere sicuri di scegliere la soluzione giusta per la vostra casa o azienda. Non assumetevi subito la spesa e la manutenzione di un addolcitore d'acqua solo perché dovete trattare i vostri problemi di calcare.

Per alcuni, un addolcitore d'acqua può essere la soluzione migliore, ma non è assolutamente l'unica opzione. Come abbiamo visto, molti altri tipi di condizionatori d'acqua possono avere un effetto positivo sull'acqua dura senza rimuovere effettivamente i minerali di durezza. Inoltre, alcuni di questi condizionatori sono progettati per prevenire l'accumulo di biofilm. In molti casi, un condizionatore d'acqua, piuttosto che un addolcitore, è la soluzione perfetta per affrontare le esigenze di trattamento dell'acqua.

Alla HydroFLOW USA, abbiamo sviluppato un mezzo particolarmente efficace per il condizionamento dell'acqua che non richiede l'uso di sostanze chimiche o sale. Tutto ciò che serve è una facile installazione di un'unità che viene facilmente costruita intorno a un tubo. Questa unità ha un trasduttore speciale che è collegato a un anello di ferrite. L'unità fornisce un segnale elettrico che viaggia attraverso un sistema idraulico, indipendentemente dal materiale dei tubi. L'acqua che scorre nei tubi funge da conduttore per trasportare il segnale.

Come risultato di questa corrente elettrica, gli ioni - caricati sia positivamente che negativamente - formano cristalli che sono sospesi nell'acqua. Il calcare e il biofilm non si accumulano, e il segnale elimina anche l'accumulo già esistente. La tecnologia Hydropath, che alimenta i dispositivi HydroFLOW, è unicamente efficace ed efficiente rispetto ad altre opzioni di condizionamento dell'acqua presenti oggi sul mercato. Con un condizionatore d'acqua HydroFLOW, ci si ritrova con tubi, impianti ed elettrodomestici puliti anziché ricoperti di minerali e biofilm accumulati. Questo permette loro di lavorare al loro pieno potenziale e di durare più a lungo di quanto farebbero altrimenti.

Offriamo diverse opzioni di prodotto per soddisfare le vostre esigenze specifiche. Potete contare sui nostri prodotti per affrontare completamente i problemi di calcare, batteri e alghe. Contattateci oggi stesso se avete domande o volete saperne di più su come i condizionatori d'acqua HydroFLOW.

© 2021 mychromecastsetup.com